L'isola di Yap e L'idea del denaro

Sotto il bagliore tropicale del sole del Sud Pacifico, le ricchezze dell'isola di Yap brillavano in enormi dischi bianchi luminosi come la luna. Ogni fortuna di famiglia si trovava nelle sabbie tropicali tra i boschi di cocco e le erbe che agitavano. Ruote in pietra calcarea multi-ton, lucidate, chiamate rai, che trasmettono lo status del loro proprietario come uno yacht moderno su un vialetto, parcheggiato accanto alla loro tigre da compagnia. Non c'era oro da trovare su Yap o argento o pietre jem. Le ruote di pietra, alcune fino a otto tonnellate, erano tutto il tesoro dell'isola. Non avevano alcuna funzione spirituale o pratica. Non puoi costruire una casa, produrre cibo o navigare in mare con uno. Non puoi tagliarne una parte per acquisti quotidiani come cibo o forniture. Tuttavia, i destini della maggior parte degli Yapese furono decisi da queste grandi rocce. Finanziarono guerre, cementarono alleanze e acquistarono territorio. Numeri non contati sono morti nella loro creazione e trasporto. Così è stato per secoli, quando la Rai è arrivata per la prima volta su Yap.

Secondo la leggenda, molto tempo fa un navigatore yapese andò fuori rotta e si trovò a 250 miglia da casa sua sull'isola di Palau, precedentemente incontattata. Trascinando la sua canoa a terra, il marinaio rimase trafitto dalle bianche e cristalline scogliere cristalline che brillavano sopra di lui. Erano mozzafiato. Accattivante. Diversamente da qualsiasi cosa avesse mai visto su Yap. Doveva averne una parte da riportare indietro.

L'ispirazione ha colpito.

Con strumenti di pietra e conchiglie, ha scolpito una balena, o rai, dalla pietra per commemorare il suo viaggio. A metà della scultura della sua scultura, si rese conto che avrebbe dovuto spostarlo da solo sulla sua canoa di bambù per le centinaia di miglia di viaggio verso casa. Avrebbe richiesto un'altra tattica ricordo. Una notte, mentre guardava la luna bianca lattiginosa che brillava sopra di lui, l'ispirazione colpì di nuovo.

Le ruote sono più facili da spostare delle balene.

Quindi scolpì un grosso disco rotondo con un foro al centro in cui poteva far passare un ramo e lo fece rotolare sulla sua barca.

La BBC racconta diverse storie di origine rai. Secondo un esperto, non era solo un navigatore e l'equipaggio è riuscito a trasportare la statua della balena a Yap. Tuttavia, ulteriori spedizioni a Palau si sono imbattute in detto problema di trasporto di sculture di balene, e così la rai è diventata un cerchio di pietre.

Ad ogni modo, quando il marinaio oi marinai tornarono sulle rive di Yap, la prima rai fece scalpore. Ognuno voleva il proprio. La domanda è salita alle stelle per questo raro tesoro. Gli uomini partirono per Palau per cercare fortuna. I capi mandarono altri uomini a Palau per cercare la fortuna del capo.

Presto un'industria e un'economia crebbero attorno ai circoli della grande roccia lucente. Solo i capi potevano autorizzare nuove spedizioni per la Rai, trattenendo tutte le pietre più grandi che i loro equipaggi riportarono a Yap e riscuotendo una tassa di due quinti di quelle più piccole. Hanno anche preso il controllo della produzione della Rai, mantenendo alto il valore limitando il numero di pietre in circolazione. Tuttavia, i capi avevano poca influenza sul valore individuale di una rai. Ciò è stato determinato collettivamente dagli isolani sulla base di una serie di fattori largamente concordati e ampiamente accettati.

In primo luogo, quante persone sono morte riportando la roccia su Yap.

Le dimensioni hanno giocato il secondo indicatore di valore più importante, poiché la rai poteva variare di diametro dal palmo di una mano a un moderno pneumatico per trattore. Secondo i resoconti dei primi anni del 20 ° secolo, una rai della larghezza di un tavolino da bar potrebbe recuperare 50 cestini di cibo o un maiale di dimensioni standard, mentre una pietra delle dimensioni di un uomo varrebbe la pena di "molti villaggi e piantagioni". Altri determinanti di il valore della ruota da roccia comprendeva la complessità delle sue incisioni, la difficoltà di estrarla e la qualità e la brillantezza della sua levigatura. Alla Rai più preziosa sarebbero stati lasciati in eredità nomi basati sul capo che decretò il viaggio, o la canoa di bambù che lo portò dentro. In breve, una piccola roccia poteva valere molto più di una capanna in base al suo nome, lucentezza e conteggio del corpo.

Essendo così prezioso, la Rai non poteva essere utilizzata per le transazioni di tutti i giorni. Per quelli, lo Yapese avrebbe scambiato conchiglie di perle o stuoie tessute, o baratto con carne di cocco, taro o tazze di sciroppo. Invece, le luccicanti rocce furono scambiate per cementare alleanze tra capi che combattevano tribù rivali. Potrebbero essere dotati in una dote, scambiati per terra o diritti di pesca o usati per saldare un debito se cadessi in gravi difficoltà.

Ad esempio, se un membro della tua famiglia ha ucciso un parente del vicino, potrebbe verificarsi la seguente conversazione:
“Tuo fratello ha ucciso mio cugino! Chiedo in cambio la vita di tuo fratello! "
“No, adoro mio fratello! Non è colpa sua! E se invece ti dessi tutta la mia ricchezza? ”
"Ok. Invece, sarò ricco ora! "

Ed ecco dove la rai diverge dalla maggior parte delle forme di valuta. La Rai non si è trasferita nel cortile della famiglia in lutto. Non valeva la forza lavoro e l'organizzazione per trasportarlo. Mentre alcuni potevano essere trasportati con una corda di cocco infilata nel centro, altri avevano il peso di due macchine e richiedevano il movimento di interi equipaggi. Quindi per necessità rimase nel cortile della famiglia dell'assassino, ma ora era la moneta del vicino. La proprietà fu trasferita mentalmente e concordata collettivamente dalla tribù. Per la famiglia dell'assassino, ora avevano un sacco di pretese sulla rai accanto alla loro capanna come hanno fatto la luna nel cielo.

Questo concetto di proprietà era così fortemente radicato nella cultura yapese che neppure la distanza o la visibilità lo influenzavano. In una leggenda famosa, un uomo della tribù in cerca della sua fortuna sfidò i mari per ritagliarsi una moneta di pietra da Palau, solo per perderla mentre la sua nave si rovinava in una tempesta. Al suo ritorno su Yap in cima ai brandelli della sua nave, informò la tribù

"La mia ricchezza è sul fondo del mare adesso."

E tutti hanno risposto “Ancora bene. Bentornata a casa, nuova persona ricca! "

Questo sistema è rimasto invariato fino al contatto occidentale.

La graduale transizione della Rai dalle ricchezze alle reliquie è iniziata quando il capitano irlandese americano David O’Keefe si è imbarcato su Yap alla fine del XIX secolo. A quel punto, l'estrazione e il trasporto di rai avevano raggiunto l'apice. Un naturalista britannico riferirebbe di aver visto 400 uomini yapesi produrre pietre su Palau, che all'epoca rappresentava più del 10% della popolazione maschile adulta dell'isola.

L'ospitale Yapese ha curato il naufragio di O’Keefe in salute e lo ha mandato sulla sua strada. In segno di gratitudine, è tornato sull'isola con i moderni velieri. In cambio della carne di cocco, portò attrezzi metallici dall'Asia per modernizzare l'estrazione e la finitura della Rai e le navi occidentali per trasportarli. Ciò ha guadagnato O’Keefe la sua isola.

Immagine da Slate.com

Tuttavia, questo afflusso di nuova rai ha gettato via la curva di offerta e domanda attentamente regolata su Yap. Numerose pietre del diametro di dodici piedi potevano ora essere facilmente tagliate con strumenti di ferro e trasportate in numero maggiore che mai con un rischio minimo di danno per l'equipaggio. La Rai passò dall'essere relativamente rara sull'isola nel 1840 a oltre 13.000 sull'isola all'inizio del XIX secolo. Questo ha solo reso più preziose le pietre originali, con intagli grezzi. Le rai più grandi, lucidate di metallo, furono ridotte in valore dalle rocce più vecchie che furono faticosamente scolpite con strumenti a conchiglia, remarono attraverso il mare in canoe di bambù e accumularono alte figure di vittime lungo la strada.

L'importazione di rai terminò nel 1898 quando i tedeschi acquistarono l'isola dalla Spagna a seguito della guerra ispano-americana.

I tedeschi avevano bisogno di strade costruite attraverso il loro territorio appena acquisito per i loro veicoli. Ordinarono allo Yapese di costruirli. I capi di Yap indicarono i ruvidi sentieri sterrati che si snodavano nell'isola.

"Li abbiamo già."

"No, vere strade!" Domandarono i tedeschi.

I capi yapesi si strinsero nelle spalle. "No, questi sono buoni."

I tedeschi sapevano che non potevano costruire le strade da soli, ma cosa potevano usare per sfruttare? Dopo molte discussioni, decisero di esercitare pressioni economiche. Radunarono i capi insieme e minacciarono di rimuovere la Rai fino a quando le strade non furono costruite.

I capi yapesi si strinsero nelle spalle. "Vai avanti e prova."

I tedeschi sapevano che lo Yapese aveva ragione. I loro edifici coloniali su Yap erano troppo piccoli per conservare tutto il tesoro dell'isola. Non potevano caricare rocce multi-tonnellata sulle loro navi senza affondarle, il che tecnicamente non avrebbe influenzato il valore delle monete per lo Yapese. Anche se le navi attraversarono l'oceano, in Germania non esisteva un mercato stabilito per le ruote in pietra lucida. I tedeschi erano in perdita. Poi, un giorno, fissando i dischi cristallini bianchi lattei che brillavano come la luna, l'ispirazione colpì.

Hanno preso della vernice nera e hanno disegnato croci tedesche su tutte le monete.

"Queste sono le tedesche adesso". Dichiararono.

E l'isola di Yap rimase a bocca aperta collettivamente "Siamo in bancarotta!"

Il nuovo Yapese impoverito si mise al lavoro freneticamente per costruire le strade. Livellate e costruite per l'approvazione del tedesco, le strade si estendevano da un'estremità dell'isola all'altra "come i parchi del parco". Soddisfatti, i tedeschi presero uno straccio e cancellarono la vernice nera dalle grandi rocce.

E la gente di Yap ha applaudito collettivamente "I nostri soldi sono tornati!"

I tedeschi hanno vietato l'importazione di rai dopo questo. Oggi, le monete di pietra sporcano ancora l'isola, fungendo da importanti pietre miliari culturali in questa era di banca digitale.

Se la storia di Yap sembra particolarmente strana, prendi in considerazione il seguente esempio.

Negli anni '30, la Francia decise di acquistare parte dell'oro degli Stati Uniti per aiutare la loro economia. Ciò ha causato un tumulto enorme. Gli investitori furono presi dal panico sul significato della perdita di questo prezioso tesoro. I titoli nazionali hanno dichiarato che la Francia stava prosciugando le riserve auree statunitensi. Nonostante la crisi economica globale e le proteste pubbliche, le due nazioni hanno raggiunto un accordo e l'accordo è andato a buon fine.

Come previsto da questo scambio internazionale di ricchezza, un impiegato del governo degli Stati Uniti entrò in una stanza della Fed di New York, prese dell'oro da un cassetto e lo spostò in un altro cassetto nello stesso edificio. Ora quell'oro era della Francia.

E un oceano lontano dalla loro scatola di barre di metallo lucido, la Francia ha collettivamente detto "Siamo ricchi adesso".

Erano nelle menti dei paesi occidentali.

Immagine da BullionStar.com

Laddove non diversamente indicato, la fonte di questo saggio proviene dal Planet Money Podcast - Episodio 235: A Giant Stone Coin at The Bottom of The Sea.

Se desideri leggere altri miei scritti, il mio libro Fighting Monks e Burning Mountains è disponibile su Amazon
Altri saggi